Ultimi post

Ci eravamo lasciati con l’ultimo articolo in tema parlando dei benefici offerti dalla stampa 3D (3DP) in campo chirurgico, ma non abbiamo parlato delle sue applicazioni mediche nell’esplorazione spaziale. In questo articolo parleremo del vantaggio più grande offerto dalla 3DP, che è sicuramente quello di poter […]
La vista è un senso fondamentale per poter esplorare lo spazio, dalla semplice osservazione all’esplorazione umana. Dallo screening degli astronauti sulla Stazione Spaziale sta emergendo come la vista potrebbe essere il senso più colpito. Nell’antica Grecia, la selezione delle guardie del tempio avveniva attraverso l’osservazione delle […]
La Stazione Spaziale Internazioneale è una struttura incredibile, sospesa a 400km di altezza e che passa sulle nostre teste alla velocità di 27mila km/h. A una tale quota, tuttavia, non c’è aria da respirare, motivo per cui vari moduli della Stazione sono dedicati alla produzione dell’ossigeno […]

Che cos’è The Space Alphabet?

È un progetto di promozione dell’applicazione delle conoscenze della medicina all’esplorazione dello spazio portato avanti da The Medical Alphabet, gruppo ormai attivo da 3 anni, che da sempre promuove la conoscenza medica in tutti i suoi campi, dalle materie di base come la biologia fino agli ambiti più specialistici. Il ritorno dell’uomo nello spazio si avvicina, e questo significa nuove sfide e possibilità di ricerca, di approfondimento dello studio del corpo umano e del raggiungimento di soluzioni utili alla pratica clinica. L’innovazione in campo aerospaziale è sempre stata di grande utilità sulla terra, specie per la sua intrinseca filosofia di risparmio delle materie prime e di ottimizzazione dei processi, che in questo particolare momento storico è più che mai sotto i riflettori.

Dal volo, alla Stazione Spaziale Internazionale passando per la Luna fino a Marte, l’uomo deve affrontare ambienti ostili che impattano pesantemente sulla sua fisiologia e che senza la messa in atto di misure preventive esiterebbe in fenomeni patologici importanti.

Partendo dall’analisi dei diversi ambienti da affrontare, vedremo come cambia la fisiologia e come questi cambiamenti possano essere affrontati. L’esplorazione dello spazio richiede l’applicazione delle migliori tecnologie disponibili in contesti proibitivi.

Staff

Silvio Bagetta

Direttore

Studente di Medicina e Chirurgia

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Alessandro Giacani

Vice Direttore

Studente di Medicina e Chirurgia

Università degli Studi di Parma

Andrea Fratini

Editor

Studente di Medicina e Chirurgia

Università degli Studi di Roma Sapienza 

Federico Sopranzi

Editor 

Studente di Medicina e Chirurgia

Università Politecnica delle Marche

Lia Sajeva

Editor

Dottore  in Tecniche di Radiologia e Radioterapia

Roberto Bagetta

Editor

Dottore in Farmacia



Matteo Postella

Consulente Informatico



Seguici sui social